Economia: i dati sembrano confermare che sarà l’India la nuova Cina?

banca borsa finanza

ECONOMIA – Economia: i dati sembrano confermare che sarà l’India la nuova Cina?

di IPEK OZKADERSKAYA – SWISSQUOTE

SARÀ L’INDIA LA NUOVA CINA?

Meno male! Il rapporto sull’inflazione di ieri dagli Stati Uniti non è stato peggiore del previsto. L’indice PCE core ha mostrato che, sì, l’inflazione mensile è aumentata al ritmo più alto in un anno, ma che il dato annuale è sceso dal 2,9% al 2,8%. Entrambi i dati corrispondevano alle aspettative del mercato. Pertanto, i dati di ieri hanno lasciato intendere un aumento dell’inflazione a gennaio, ma sono stati accolti​​come un sollievo per coloro che si erano preparati al peggio. Anche il debole dato relativo alle richieste di sussidio di disoccupazione ha contribuito a raffreddare le preoccupazioni aggressive della Fed. Ecco perché ieri S&P500, Nasdaq e Russell 2000 sono rimbalzati. Ma anche il dollaro USA ha registrato un rimbalzo in seguito al dato PCE. L’inflazione dei servizi – che esclude i prezzi delle case e dell’energia – è aumentata dello 0,6% nel mese, il livello più alto da marzo 2022. E il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha inviato un’e-mail a un gruppo di utenti di “super data” affermando che l’impennata dell’inflazione del mese scorso era dovuta a uno spostamento nei calcoli sottostanti, e non necessariamente dovuto all’aumento dei prezzi. Il BLS ha provato a annullare l’invio dell’e-mail, ma non puoi ingannare gli utenti dei “super dati”, vero? L’informazione è stata vista, e alcuni di loro pensano che se ciò che hanno visto è corretto, l’inflazione relativa agli affitti negli Stati Uniti potrebbe rimanere elevata per qualche altro mese, e ciò dovrebbe tenere a bada le colombe della Federal Reserve (Fed). Tuttavia, i mercati azionari hanno reagito positivamente agli ultimi dati PCE, e in seguito i rendimenti statunitensi sono diminuiti. La probabilità di un taglio dei tassi a giugno si è attestata intorno al 67%.

IN EUROPA

In Europa, la mappa termica dell’inflazione è stata contrastante. L’inflazione in Germania ha rallentato più del previsto, i dati spagnoli e francesi sono stati leggermente superiori alle attese, ma l’inflazione francese è comunque scesa al livello più debole da settembre 2021. Combinati con le deboli prospettive economiche nella regione, gli ultimi dati sull’inflazione hanno rilanciato le aspettative che la Banca Centrale Europea (BCE) potrebbe iniziare a tagliare i tassi prima della Fed. L’EUR/USD è scivolato sotto i livelli 100 e 200 della DMA, i fondamentali sostengono un ulteriore deprezzamento dell’euro nei confronti del biglietto verde, a causa della forza divergente delle economie sottostanti – il che tra l’altro non è dovuto solo al fatto che gli americani sono così forti da poter sfidare qualunque rialzo dei tassi la Federal Reserve gli lanci contro, ma in parte ciò è dovuto al fatto che il governo americano spende a una velocità vertiginosa, mentre le economie dell’area euro hanno una migliore disciplina di bilancio! Ma qualunque cosa sia, l’economia americana sta andando decisamente meglio di quella dell’Eurozona. Ecco perché si prevede che quest’anno la BCE taglierà più della Fed. Anche se, ad onor del vero,  non sono molti che vedono la BCE iniziare a tagliare i tassi prima della Fed.

IN GIAPPONE

In Giappone, i politici non hanno fretta di aumentare i tassi. Le parole di un membro del consiglio della Banca del Giappone (BoJ) secondo cui la BoJ potrebbe avvicinarsi alla fine dei tassi negativi hanno portato l’USD/JPY sotto il livello di 150 all’inizio di questa settimana insieme a un rapporto PCE core della BoJ più forte del previsto, ricordate? Ebbene, il governatore Ueda è arrivato a rovinare il trade dei falchi della BoJ dicendo che il loro obiettivo di prezzo non è ancora in vista e che “continueranno a cercare conferma se il circolo virtuoso tra salari e prezzi abbia iniziato a invertirsi”. L’USD/JPY è tornato sopra i 150, ma probabilmente non potrà salire ulteriormente perché i trader temono un intervento diretto sul forex da parte delle autorità giapponesi per evitare che lo yen perda troppo valore. Il Nikkei 225 ha segnato un nuovo record. Altrove, i dati PMI cinesi sono stati leggermente migliori del previsto a febbraio, ma l’attività manifatturiera si è ridotta per il quinto mese consecutivo e le vendite di case sono crollate più velocemente nonostante le misure di stimolo per gettare un freno al mercato immobiliare cinese in calo. In numeri, secondo quanto riferito, il valore delle vendite di nuove case da parte dei 100 migliori sviluppatori è diminuito del 60% rispetto all’anno precedente! Questi ultimi dati sulle case rappresentano l’ennesima prova del fatto che una crisi immobiliare non può essere risolta in modo semplice e immediato. Il Giappone ha impiegato tre decenni per uscire dalla deflazione. Ma la buona notizia è che questa settimana le azioni cinesi stanno consolidando ed estendendo i guadagni. L’indice CSI 300 è tornato ai livelli più alti degli ultimi tre mesi.

LA CINA E L’INDIA

Mentre la Cina è alle prese con il peggioramento della crisi immobiliare, l’invecchiamento della popolazione e la deflazione, l’India ha registrato una crescita dell’8,4% nel quarto trimestre, superiore alle aspettative degli analisti. Parte della crescita del PIL potrebbe provenire da un aumento delle tasse, ma nel complesso il governo indiano prevede che il gigante dei mercati emergenti raggiungerà un enorme 7,6% durante l’anno fiscale fino a marzo, superiore al 7,3% previsto in precedenza. La sovraperformance del Nifty 50 indiano rispetto al CSI cinese è indiscutibile dalla metà del 2021. Se la Cina non riuscirà a porre rimedio alla crisi interna, l’India potrebbe finalmente diventare la nuova Cina.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail