Economia: risultati e resilienze

borsa mercati investimenti azioni criptovalute

GLAND – Economia: risultati e resilienze.

di IPEK OZKADERSKAYA – SWISSQUOTE

RISULTATI E RESILIENZE

I risultati del primo trimestre di Tesla non sembravano affatto buoni. Le entrate sono diminuite del 9% – il primo calo delle entrate in quattro anni – e l’utile netto è crollato del 55% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E questi numeri non solo erano negativi, ma erano anche peggiori delle aspettative per il terzo mese consecutivo. Eppure gli investitori hanno guardato oltre i brutti risultati trimestrali di Tesla e hanno fatto salire il prezzo delle azioni del 13% nelle negoziazioni afterhours – sì, non c’è errore, Tesla è balzata del 13% dopo aver annunciato un calo di entrate e utili, mentre gli investitori si concentravano sui piani per accelerare il lancio di nuovi modelli che includono modelli più economici. Il salto post-utili potrebbe essere un fuoco di paglia date le crescenti sfide che l’azienda deve affrontare. Altrove, Apple ha ottenuto un piccolo guadagno nonostante la notizia secondo cui le vendite di iPhone in Cina sono diminuite del 19% nel primo trimestre, mentre quelle di Huawei sono aumentate di quasi il 70%. Texas Instruments è cresciuta sulla base di previsioni di ricavi rialziste per il trimestre in corso, suggerendo un calo più lento della domanda di chip da parte dei settori industriale e automobilistico. Spotify ha registrato un rally dell’11% dopo che il suo CFO ha affermato che “gli storici aumenti dei prezzi hanno avuto un impatto minimo sulla crescita” poche settimane dopo aver rivelato i piani per aumentare i prezzi entro la fine dell’anno. GM ha alzato le sue previsioni sugli utili per il 2024 e gli utili di Visa sono aumentati grazie all’aumento della spesa per carte di credito. Meta, Ford e IBM riferiranno oggi.

NEL COMPLESSO

Nel complesso, non c’era nulla di preoccupante nelle notizie aziendali di ieri, e anche le cattive notizie hanno visto una reazione positiva del mercato, in parte a causa di un calo dei rendimenti statunitensi di ieri a seguito di una serie di dati PMI inferiori alle attese da parte di S&P Global e di una forte vendita di Buoni del Tesoro con scadenza a due anni. Secondo l’indagine di S&P, ad aprile l’espansione dei servizi statunitensi è stata inaspettatamente più lenta del previsto, mentre il PMI manifatturiero è sceso sotto 50, in contrazione, mentre gli analisti avevano previsto un’espansione più rapida. Come reazione, il Dollar Index è crollato e le altre principali valute si sono rafforzate. Si noti che l’EURUSD era già in rialzo prima del rilascio dei numeri PMI statunitensi di ieri, poiché i dati PMI rilasciati in Europa hanno rivelato un aumento a sorpresa nei servizi tedeschi e francesi; i servizi tedeschi si sono espansi abbastanza velocemente da spingere il PMI composito in zona di espansione. Il settore manifatturiero tedesco, che rappresenta il principale punto di forza del Paese, si è rivelato più debole del previsto, ma il PMI dell’Eurozona migliore del previsto combinato con il PMI statunitense peggiore del previsto ha portato l’EUR/USD al di sopra del livello di 1,07. Oggi osserveremo l’indice che misura il sentiment tedesco, l’asta dei Bund a 10 anni, gli ordini di beni durevoli statunitensi e l’asta dei titoli a 5 anni.

NEL MONDO

In Giappone, lo yen si è leggermente rafforzato ieri, ma i guadagni sono rimasti limitati dopo la notizia che la Banca del Giappone (BoJ) si concentrerà sul calo dello yen durante la riunione di questa settimana. Ma la traiettoria ribassista a medio termine dello yen sarà difficile da invertire a meno che la BoJ non dia indicazioni di ulteriori aumenti dei tassi nel prossimo futuro. In Australia, l’AUDUSD ha esteso il rally fino alla 200-DMA dopo che i dati sull’inflazione sono stati più forti del previsto e hanno alimentato i falchi della Reserve Bank of Australia (RBA). Gli indicatori di trend e momentum stanno per diventare positivi, ma la debolezza del dollaro è soggetta a rischi importanti questa settimana poiché l’aggiornamento del PIL del primo trimestre e l’indice PCE core potrebbero facilmente invertire la recente debolezza e far impennare nuovamente il dollaro, a causa delle scommesse sul taglio del tasso di fusione per la Federal Reserve (Fed).

AZIONI

Le notizie di un miglioramento dell’attività hanno stimolato l’appetito nello Stoxx 600 in vista degli utili bancari attentamente monitorati nei prossimi giorni. Le banche europee si sono comportate molto bene poiché gli elevati tassi della Banca Centrale Europea (BCE) aumentano le aspettative di utili e gli elevati rendimenti di capitale attraggono gli investitori. Il forte ritiro delle scommesse sulla riduzione dei tassi da parte della BCE dovrebbe continuare a sostenere l’ottimismo, ma le banche dovrebbero mantenere il ritmo di crescita. Nel Regno Unito, il FTSE 100 britannico è salito ai massimi storici e si prevede che beneficerà ulteriormente dello sviluppo del commercio reflazionistico che dovrebbe sostenere i titoli minerari ed energetici. Negli Stati Uniti, i rendimenti statunitensi più bassi ieri hanno aiutato il rimbalzo dell’indice S&P500. I titoli tecnologici hanno guidato i guadagni, ma ci sono opinioni contrastanti riguardo al futuro del rally azionario statunitense. Le aspettative sugli utili per i titoli mega tech sono molto elevate e la reazione del mercato potrebbe essere imprevedibile poiché le previsioni contano almeno quanto i dati sugli utili e sui ricavi. Per quanto riguarda le materie prime, il greggio statunitense è balzato a 84 dollari al barile dopo che il rapporto API di ieri ha evidenziato un calo di 3 milioni di barili nelle scorte settimanali, mentre l’oro è rimbalzato dopo essere sceso leggermente sotto i 2.300 dollari l’oncia, in un movimento che, secondo quanto riferito, è causato dalle richieste di margine.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail