L’arte di Bram Bogart dalla tradizione iniziata nel nord Europa da Rembrandt e Rubens

OLANDA – L’arte di Bram Bogart dalla tradizione iniziata nel nord Europa da Rembrandt e Rubens.

L’ARTE DI BRAM BOGART

Intorno all’inizio degli anni Cinquanta, un pugno di pittori rinnegati decisero di ripensare i confini della loro pratica. In America, Jackson Pollock versava intuitivamente vernice smaltata su cotone non preparato per creare un’opera che fondesse il gesto con il caso. In Italia, Lucio Fontana iniziò a praticare dei buchi nelle sue tele per esplorare il vuoto sotto la sua superficie. E nei Paesi Bassi, Bram Bogart (1921-2012) iniziò a dipingere con grandi grumi di materia incrostata, una pratica che avrebbe conferito ai suoi quadri un’intensa presenza fisica. “L’artista cerca costantemente di trovare nuove idee, cioè di utilizzare lo stesso materiale per realizzare nuove opere che sono totalmente diverse, nella forma e nel colore, dalle precedenti“, rifletterebbe Bogart nel suo manifesto del 1986, Sculptural Paintings. “Un fattore determinante è stata l’influenza dell’astrazione, che ha concesso alle opere d’arte ancora più libertà.

IL PITTORE

Al culmine della sua carriera, il pittore olandese-belga creava astrazioni enormi e radiose che potevano pesare fino a 300 chilogrammi ciascuna. A volte richiedevano supporti del pavimento e persino pareti rinforzate della galleria. “Bogart sfidava costantemente i limiti della bidimensionalità“, afferma Peter van der Graaf, uno specialista senior in arte contemporanea e del dopoguerra presso Christie’s a Bruxelles . “Ha preso una tradizione iniziata nel nord Europa da Rembrandt e Rubens – che furono i pionieri dell’applicazione di aree di pittura più spesse per creare ombre all’interno della cornice di un’opera – e l’ha fatta esplodere.” Bogart è nato il 12 luglio 1921 nella città olandese di Delft. Figlio di un fabbro, si è diplomato all’istituto tecnico locale all’età di 15 anni come imbianchino qualificato – un’esperienza che in seguito ha detto gli ha dato una padronanza singolare del suo mezzo. I primi lavori di Bogart sono spesso associati al gruppo CoBrA , un collettivo esistito dal 1948 al 1951 che sosteneva il primitivismo e le interpretazioni spontanee dei miti nordici.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail