Petrolio, l’acuirsi delle tensioni geopolitiche potrebbe ritardare i tagli previsti

petrolio inflazione

ECONOMIA – Economia: i dati sembrano confermare che sarà l’India la nuova Cina?

di IPEK OZKADERSKAYA – SWISSQUOTE

PETROLIO, L’ACUIRSI DELLE TENSIONI GEOPOLITICHE POTREBBE RITARDARE I TAGLI PREVISTI

Oggi l’attenzione è focalizzata sulle vendite al dettaglio statunitensi e sui dati sull’inflazione dei prezzi alla produzione. Si prevede che le vendite al dettaglio siano in ripresa dopo i dati relativamente deboli di gennaio, mentre i prezzi alla produzione dovrebbero aumentare a febbraio, alimentati dall’aumento dei prezzi dell’energia. Normalmente, mi aspetterei che le vendite al dettaglio e i dati PPI più alti del previsto moderino le scommesse sul taglio dei tassi della Federal Reserve, sostengano un ulteriore aumento dei rendimenti statunitensi e del dollaro e inneschino una correzione al ribasso nei mercati azionari statunitensi.

I PREZZI DEL PETROLIO

Parlando di prezzi del petrolio, la pressione positiva sta crescendo dopo che i dati dell’EIA hanno confermato un calo di 1,5 milioni di barili nelle scorte petrolifere statunitensi la scorsa settimana, e dopo che l’Ucraina ha attaccato le principali raffinerie di petrolio russe con droni e ha danneggiato circa il 12% della capacità di lavorazione del petrolio del Paese. Il barile di greggio americano ha testato il livello di 80 dollari. Offerte vicine agli 80 dollari al barile potrebbero essere liquidate sulla scia delle crescenti tensioni, ma dubito che vedremo un aumento sostenibile dei prezzi del petrolio al di sopra di questo livello quando i nervosismi geopolitici scompariranno dai titoli dei giornali. C’è ancora una forte resistenza all’interno del range 80/82$ al barile.

TIKTOK

Altrove, le tensioni tra Stati Uniti e Cina sono di nuovo in aumento, poiché la Camera degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge per vietare Tiktok a meno che la cinese ByteDance non venda la piattaforma a una terza parte che rispetti le richieste di sicurezza dei dati degli Stati Uniti. Il disegno di legge è in arrivo alla Casa Bianca. Gli Stati Uniti accusano la Cina di utilizzare i dati degli utenti e di fare propaganda utilizzando la piattaforma. La vicenda è ovviamente altamente politica, ed è un altro punto importante che oppone i due candidati presidenziali, Biden e Trump. Biden dice che firmerà il disegno di legge, mentre Trump dice che vietare TikTok darebbe troppo potere a Facebook, che lui apertamente detesta – poiché la piattaforma ha imposto un divieto all’ex Presidente dopo la rivolta del Campidoglio nel 2021. Meta non ha reagito molto alle notizie.

NEL FRATTEMPO…

I titoli europei hanno ampliato i guadagni e segnato un nuovo record mentre i titoli dell’energia e del lusso hanno guidato il rally al rialzo ieri. L’EURUSD consolida i guadagni al di sotto del livello di 1,10 e dovrebbe vedere una solida resistenza su questo livello, soprattutto se oggi vediamo un altro rapporto sull’inflazione calda dagli Stati Uniti. Wunsch della Banca Centrale Europea (BCE) ha dichiarato ieri che la banca potrebbe eventualmente iniziare ad abbassare i tassi di interesse senza essere sicura che l’inflazione stia tornando all’obiettivo del 2%, e che quest’ultima decisione potrebbe arrivare “tra non molto”. Ascoltando Lagarde e gli altri membri della BCE, sembra che il taglio di giugno sia cosa fatta, a meno che non si verifichi una sorpresa significativa sul fronte dell’inflazione. Ma da qui a giugno molte cose possono cambiare. Se le tensioni tra Ucraina e Russia dovessero intensificarsi al punto da aumentare i prezzi del petrolio, vedremo sicuramente le banche centrali costrette a ritardare i loro piani di taglio dei tassi. Per ora, tuttavia, l’aspettativa è che la BCE inizi a tagliare a giugno e tagli 4 volte quest’anno. La banca ha inoltre annunciato modifiche al suo quadro operativo in modo da consentire alle banche in diverse località di richiedere la liquidità di cui hanno bisogno, in modo che la politica monetaria possa essere più flessibile per soddisfare meglio le varie esigenze di liquidità delle varie economie dell’area man mano che questa viene riassorbita. Si prevede che la reazione del mercato a questi ultimi cambiamenti sarà limitata.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail