Come andrà la Borsa oggi? Tutti la maltrattano, ma l’economia resiste (VIDEO)

borsa zurigo

ZURIGO – Come andrà la Borsa oggi? Tutti la maltrattano, ma l’economia resiste.

LA BORSA OGGI

BORSA ITALIANA (Milano)

LA BORSA AMERICA NORD (NYSE)

BORSA SVIZZERA (SIXì)

TUTTI LA MALTRATTANO, MA L’ECONOMIA RESISTE

I futures azionari europei sono poco variati all’inizio della settimana. In Asia, i benchmark azionari sono stati misti, il dollaro si è indebolito, i rendimenti del Tesoro sono stati misti, mentre i futures sul petrolio sono scesi e quelli sull’oro sono saliti. Azioni: i futures azionari indicano un’apertura cauta in Europa dopo una mattinata contrastata per le azioni asiatiche, mentre gli operatori guardano ai dati sull’inflazione statunitense e alla riunione della BCE nel corso della settimana. Il mercato ultimamente vuole vedere l’economia statunitense andare “bene ma non benissimo“, perché se è troppo forte, la Federal Reserve potrebbe essere costretta ad alzare i tassi di interesse in modo più aggressivo per ridurre l’inflazione, ha dichiarato Scott Wren, senior global market strategist del Wells Fargo Investment Institute. La Fed vuole che l’economia rallenti per “esercitare una pressione al ribasso sull’inflazione di base“, ha detto.

Giovedì diversi funzionari della Fed hanno chiarito che è improbabile un rialzo dei tassi a settembre, anche se alcuni, come il presidente della Fed di Dallas Lorie Logan dopo la chiusura dei mercati, hanno suggerito che ulteriori aumenti potrebbero essere necessari in seguito. “Nelle recenti conversazioni con gli investitori istituzionali, ci è parso chiaro che gli investitori sono sempre più nervosi. La preoccupazione principale è che la dinamica economica stia migliorando a un ritmo tale da giustificare un aumento del ritmo dei rialzi da parte della Fed“, ha dichiarato Tom Lee, responsabile della ricerca di Fundstrat. La debolezza del mercato azionario iniziata ad agosto arriva dopo un periodo di forte crescita delle azioni ed è in linea con gli schemi stagionali. “Mi sembra che si tratti di uno schema abbastanza prevedibile di oscillazione. C’è questo periodo stagionale debole, c’è questa mancanza di dati. Penso che questo sia abbastanza sano e prevedibile“, ha dichiarato Mark Hackett, responsabile della ricerca sugli investimenti di Nationwide. Secondo Hackett, storicamente, un forte periodo di agosto predispone il mercato a guadagni fino alla fine dell’anno, un modello che, a suo avviso, potrebbe confermarsi, vista la continua forza dei consumatori (Centro Studi OOPS Tech).

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail