Credito complessivo di 360 mila franchi per la partecipazione al finanziamento dell’attività della Fondazione Valle Bavona

LE ATTIVITÀ DELLA FONDAZIONE VALLE BAVONA

VALLE BAVONA – Il Consiglio di Stato ha stanziato il contributo cantonale per la Valle Bavona per il quadriennio 2025-2028. La Valle Bavona rappresenta una testimonianza di una civiltà rurale d’altri tempi e costituisce un patrimonio paesaggistico, culturale e naturalistico unico nel suo genere nell’arco alpino, parte dell’identità individuale e collettiva del Cantone, riconosciuta anche a livello federale attraverso l’iscrizione in diversi inventari. Le attività e i progetti previsti nel quadriennio 2025-2028, con i relativi costi si sviluppano nel solco della continuità rispetto a quanto effettuato e raggiunto negli scorsi anni. Il sostegno cantonale richiesto per il prossimo quadriennio ammonta a 360 mila franchi e corrisponde al 28% delle spese previste. Questo contributo è suddiviso in 70 mila franchi annui per la gestione ordinaria e 20 mila franchi annui per il Laboratorio Paesaggio, un’attività che crea un ponte tra gestione del territorio e attività formative-divulgative.

LA FONDAZIONE

Il sostegno alla Fondazione da parte degli enti pubblici è indispensabile alla conservazione dei valori della Valle Bavona ed è coerente con gli obiettivi del Programma di legislatura 2023-2027 e con il relativo Piano finanziario. In particolare esso è in linea con l’obiettivo 11 “Promuovere il territorio valorizzando il paesaggio e il patrimonio storico-culturale, tutelando le componenti naturali e la biodiversità e riqualificando il tessuto costruito”. La tutela e la valorizzazione della Valle Bavona rispondono anche agli obiettivi del Piano direttore cantonale: la Valle è infatti parte integrante del Sistema delle aree protette codificato. È importante ricordare che questo contributo finanziario va non solo a beneficio del paesaggio costruito e naturalistico, ma anche della vita socio culturale ed economica locale. Le ditte implicate negli interventi sono infatti tutte locali e il ricco calendario di attività didattiche, di accompagnamento e volontariato crea un valore aggiunto in termini di formazione di qualità e di sviluppo di legami duraturi con la Valle. Non va infine dimenticato che gli interventi di valorizzazione del paesaggio della Valle hanno ricadute positive anche sul turismo e sulle attività di svago di prossimità nell’intera regione, attirando visitatori e stimolando attività commerciali e ristorative locali.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail