Dalla prima mostra degli Impressionisti le opere di Alfred Sisley

alfred sisley

LE OPERE DI ALFRED SISLEY

ARTE – Il 15 aprile 1874, quella che sarebbe diventata nota come la prima mostra impressionista aprì al 35 di Boulevard des Capucines, a Parigi. Per trenta giorni, fino al 15 maggio, la mostra presentò 165 opere di arte contemporanea radicale, selezionate e create da membri della Société anonyme des peintres, sculpteurs et graveurs , un gruppo che si era unito nel dicembre 1873 come reazione alle rigide regole di accettazione del Salon di Parigi. Tra i suoi membri c’erano Camille Pissarro, Claude Monet, Alfred Sisley, Edgar Degas, Pierre-Auguste Renoir, Paul Cezanne, Armand Guillaumin e Berthe Morisot. Questo catalogo di artisti, all’epoca un gruppo di pionieri outsider, ora nomi noti, inventò insieme un movimento che avrebbe cambiato per sempre il corso dell’arte e ciò che ci aspettiamo da essa. Accolto con una risposta critica vivace e varia, altre sette mostre impressioniste si sarebbero tenute negli anni successivi, ciascuna determinante nel definire il movimento e promuovere il lavoro degli artisti non celebrati. Oltre ai membri della Société, Edouard Manet, Gustave Caillebotte e il giovane Paul Gauguin esposero le loro opere; così fecero anche le artiste Mary Cassatt ed Eva Gonzalès.

A PARIGI

Con un impatto ben più ampio di Parigi e delle otto mostre impressioniste tenutesi lì tra il 1874 e il 1886, il movimento continua a plasmare la comprensione dell’arte in tutto il mondo. A New York, Londra e online, la Selling Exhibition Impressionism: 150 Years rende omaggio al movimento, alle sue origini e alla sua eredità. Alfred Sisley è stato uno dei maggiori pittori impressionisti: molti lo considerano francese, perché ha vissuto per tutta la sua vita a Parigi, ma in realtà era di nazionalità britannica. Il figlio di Auguste Renoir racconta che il padre descriveva Frédéric Bazille e Sisley come gli artisti, che entrati nello studio del noto pittore svizzero Charles Gleyre, maestro di diversi impressionisti, volevano “dare fuoco ai vigili del fuoco”: erano infatti due giovani che disegnavano con pazienza e diligenza, determinati a raggiungere la perfezione in breve tempo. I coetanei descrivevano Sisley come una persona educata e tranquilla: Vincent Van Gogh in una delle sue lettere al Fratello Theo lo descrive come “il più timido e gentile degli impressionisti”, e anche il figlio di Renoir diceva che “il dono di Sisley era la gentilezza”. Sisley rappresentò per tutta la vita paesaggi, dipingendo all’aria aperta, restando sempre fedele alla causa Impressionista.

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail