Ticino: sulla neve sulla pista per slitte Pian Nara–Cancori

TICINO – Ticino: sulla neve sulla pista per slitte Pian Nara–Cancori.

IN SLITTA IN TICINO

Il divertimento classico dell’inverno per grandi e piccini: la slitta. Desideri andare in slitta o semplicemente goderti in tutta comodità il paesaggio nel rifugio di montagna? Scendendo lungo le piste per slitte riceverai una vera scarica di adrenalina in una cornice maestosa. Situata nel cuore della soleggiata Valle di Blenio, la pista per slitte del Nara si snoda tra pendii innevati, boschi di conifere e caratteristici nuclei di case in sasso. Da Leontica in seggiovia, passando per la stazione intermedia di Cancorì, si raggiunge velocemente i quasi 2000 metri di quota della Bassa di Nara. In cresta, a cavallo tra Leventina e Valle di Blenio, la vista spazia dal massiccio del San Gottardo all’imponente Pizzo Adula, che con i suoi 3402 metri di quota è la cima più alta del Cantone Ticino. La discesa, affrontabile da grandi e piccini in tutta sicurezza, regala fantastiche emozioni. Per riprendere fiato, prima di riaffrontare la divertentissima pista, giunti a Cancorì ci si può concedere una pausa gastronomica. In alternativa, se l’innevamento lo permette, è possibile prolungare l’avventura per altri cinque chilometri su una strada riservata alle slitte che conduce a Leontica. La società “Amici del Nara SA” fondata nel 2003 conta oltre 600 azionisti e opera prevalentemente sulla base del volontariato e con tanto entusiasmo per sostenere e gestire di fatto la stazione turistica del Nara, sia in estate che in inverno.

IN DISCESA

Come si guida lo slittino: i consigli per divertirsi senza rischi. Guidare lo slittino è facile e divertente, a patto di sapere come curvare e frenare e di conoscere le norme di sicurezza e le piste dove andare. Prima cosa da sapere: lo slittino può essere usato dai bambini sul piccolo pendio dietro casa e soprattutto dagli adulti sui sentieri innevati riservati apposta a questa pratica. Altra cosa da sapere: lo slittino tutto in legno va bene solo nel prato dietro casa. Per le vere piste (ovviamente stiamo parlando di piste naturali, cioè i sentieri di montagna con la neve battuta, non certo dei toboga di cemento e ghiaccio delle Olimpiadi) sono preferibili gli slittini con la seduta in tessuto, molto più bassi (è una questione di baricentro) e guidabili. La maggior parte degli “infortuni da slittino” non avviene tanto per il più o meno inevitabile capitombolo quanto per il frontale con chi vi segue. Se vi ribaltate in mezzo alla pista, preoccupatevi subito di allontanarvi sul ciglio della medesima e recuperate lo slittino dopo aver controllato il traffico. Se scende un ragazzone di montagna a 80 km/h, le possibilità che vi centri in pieno non sono poche.