La Natura, che bellezza! Alla scoperta dei quattro elementi nei concerti al LAC di Lugano

LUGANO – La Natura, che bellezza! Alla scoperta dei quattro elementi nei concerti al LAC di Lugano.

LA NATURA A LUGANO

Dal 6 al 12 maggio, l’Orchestra della Svizzera italiana ritorna con entusiasmo con i suoi Concerti per le scuole e per famiglie al LAC. Quest’anno lo spettacolo, intitolato La Natura, che bellezza!, vuole portare grandi e piccini a esplorare le più celebri musiche del repertorio sinfonico, con particolare riferimento ai quattro elementi naturali aria, acqua, terra e fuoco, alla scoperta di quanto il grandioso spettacolo della natura abbia ispirato nei secoli i più famosi compositori. Sul podio il direttore d’orchestra Philippe Béran, mentre ad accompagnare con creatività i bambini ci penseranno la presentatrice Carla Norghauer e un’estrosa compagnia di artisti di strada. Sostengono il progetto UBS, partner principale LAC edu, e la Comunità tariffale Arcobaleno, per una particolare attenzione alla mobilità sostenibile.

I CONCERTI

La nuova edizione dei Concerti per le scuole e famiglie dell’OSI, presentata nell’ambito del programma LAC edu, si terrà da lunedì 6 a mercoledì 8 maggio, per un totale di 11 repliche destinate ai bambini delle scuole elementari, mentre due saranno gli appuntamenti per le famiglie, domenica 12 maggio alle ore 15 e alle 17. Sul palco, a fianco dell’OSI diretta da Philippe Béran, la celebre presentatrice Carla Norghauer (sostituita da Claudio Moneta domenica 12 maggio per impegni sopraggiunti), che sarà affiancata da una fantasiosa compagnia di artisti di strada nel dare forma a quanto la musica suggerisce davanti agli occhi incantati dei piccoli e grandi spettatori. Al centro del programma c’è la natura, vista attraverso i quattro elementi principali dell’aria, dell’acqua, della terra e del fuoco: ognuno dei quattro capace di ispirare nei secoli i più grandi compositori. Tra questi Beethoven, Haydn, Smetana e molti altri, ognuno presentato attraverso una particolare opera che si ricollega all’elemento prescelto (per esempio Händel con la sua Musica sull’acqua o Debussy con En bateau dalla Petite suite per l’acqua, oppure Fauré con la Sicilienne dalla suite Pelléas et Mélisande per l’elemento aria).

FacebookTwitterWhatsAppTelegramLinkedInEmail